Tour Della Casa: Pharrell E Co. Esplora Le19M, La Nuova Sede Dei Laboratori Metiers D’Art Di Chanel

Ogni dicembre dal 2002, Chanel presenta una collezione Metiers d’art. (Sì, questo significa che l’ultima – rivelata sei mesi fa – segna la 20a edizione.) È la vetrina/bonanza/omaggio annuale agli importanti atelier esoterici che orbitano attorno alla maison di lusso francese. (Karl Lagerfeld si riferiva persino a loro come satelliti).

La collezione 2021/2022, che verrà lanciata nelle boutique verso la fine di giugno, segna un nuovo capitolo: si ispira ed è stata mostrata nel nuovo hub Le19M che Chanel ha appositamente costruito come sede centralizzata per 11 dei suoi fornitori più cruciali.

Le19M si trova nel nord di Parigi e progettato dall’architetto Rudy Riccioti.

È la prima volta che il marchio riunisce le botteghe artigiane di sua proprietà – precedentemente sparse per Parigi e dintorni – in modo così significativo e permanente. Situato nella regione nord-orientale degli Aubervilliers della capitale francese, Le19M è stato persino progettato per ricordare il tessuto dell’architetto Rudy Riccioti con “filo” di cemento che cinge la sua facciata, creando un sofisticato esoscheletro che offre anche protezione dal sole.

Credit:Chanel

L’esoscheletro della facciata di Le19M è un motivo interpretato in alcuni dei disegni della collezione Metiers d’Art quest’anno.

Il complesso all’avanguardia di 25.500 mq è ora sede di 600 lavoratori di atelier che contribuiscono a ricami, plumasserie, pieghettature, tessuti, cappelli, gioielli e scarpe – componenti discreti firmati per l’aspetto e l’atmosfera di Chanel.

GOOSSENS

Credit:Chanel

L’icona del musicista/stile Pharrell esplora il laboratorio del bigiotteria Goossens, che lavora con Chanel dagli anni ’50 dopo che Coco Chanel aveva incaricato il suo fondatore di creare un pezzo per lei.

Coco Chanel è stata una delle prime designer a diffondere la bigiotteria, mescolando gioielli raffinati realizzati con materiali precedenti con palline ostentatamente grandi. Uno dei principali influencer su questo aspetto fu Robert Goossens – il gioiello e fondatore dell’omonimo atelier – che aveva incontrato per la prima volta nel 1954. Insieme, hanno sviluppato uno stile di bigiotteria che faceva riccamente riferimento a disegni bizantini e antichi che da allora sono entrati a far parte del lessico Chanel.

Credit: Chanel

Corde di perle di vetro e leoni scolpiti che fanno riferimento al segno della stella Leone di Mademoiselle Chanel sono alcuni degli emblemi tipicamente Chanel che sono arrivati alla bigiotteria Metiers d’Art di questa stagione.

Nella collezione Metiers d’Art 2021/2022 del marchio, Goossens celebra questo approccio individualistico con pezzi decorati che attingono a una miriade di icone della casa: corde di perle di vetro; leoni scolpiti che fanno riferimento al segno astrologico di Mademoiselle Chanel; motivi come catene e medaglioni allacciati in Indossali a piacimento, il che – passando per la sfilata – significa stratificare più tutti in una volta.

MAISON MICHEL

Credit:Chanel

La modisteria di Chanel risale alle radici del suo fondatore come produttore di cappelli.

Maison Michel è l’unica cappelliera di Le19M e importante per l’eredità di Chanel perché Coco stessa aveva iniziato la sua carriera come modista. Fondata nel 1936, non solo distribuisce e vende al dettaglio le proprie collezioni, ma è anche la scelta ideale tra le migliori case di moda del settore. (Chanel l’ha acquisita nel 1997, ma come tutti i metiers d’art di proprietà del marchio, opera in modo indipendente.)

Credit: Chanel

Il musicista francese Sebastien Tellier non viene quasi mai visto senza cappello o berretto. Questo forse lo rende l’uomo giusto per esplorare le tecniche di modisteria della Maison Michel.

È un’eredità su cui Virginie Viard si basa, facendo uso dei metodi tradizionali della Maison Michel che vedono cappelli ancora sagomati su blocchi di legno di tiglio scolpiti appositamente per ogni disegno e drappeggiati e decorati interamente a mano. Questa stagione presenta due stili sobri: un diportista in tweed ricamato e un cappello Panama a tesa larga con sottogola a catena allacciata.

MASSARO

Credit: Chanel

I tacchi bicolore sono tra le scarpe Chanel più iconiche.

Il calzolaio Massaro è dietro il design di calzature più famoso di Chanel: la décolleté bicolore beige e nero. Ha debuttato nel 1957 e l’ingegno di Massaro nell’aggiungere un cinturino slingback in pelle elastica ha funzionato in tandem con l’etica di comfort e facilità di Coco Chanel.

“È tutta una questione di pazienza”, dice il rapper, scrittore e regista francese Abd Al Malik durante la sua visita al workshop di Massaro al Le19M. Si riferisce alle circa 40 ore di lavoro che vanno in ogni paio di scarpe da donna che l’atelier produce: ogni lato è modellato attorno a forme di legno intagliate a mano e ha il tempo di impostare e prendere forma.

Credit:Chanel

Il rapper, scrittore e regista francese Abd Al Malik esplora il laboratorio di Massaro dove nascono i sogni delle scarpe.

La sofisticata energia metropolitana della collezione Metiers d’Art 2021/2022 di Chanel arriva attraverso un aggiornamento di Mary Jane di quei caratteristici bicolore con tomaia in pelle lucida, tacchi a blocchi architettonici e una fila di perle che rivestono la parte superiore di quest’ultima.

Un pensiero su “Tour Della Casa: Pharrell E Co. Esplora Le19M, La Nuova Sede Dei Laboratori Metiers D’Art Di Chanel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...