Perché Ogni Marchio Di Bellezza È Improvvisamente Incentrato Sulla Riparazione Della Barriera Della Pelle?

L’attenzione negli ultimi mesi è stata rivolta alla cura della barriera naturale della pelle.

Se il 2020 riguardava gli acidi esfolianti ad alta resistenza e non per principianti (The Ordinary’s AHA 30% + BHA 2% Peeling Solution era impossibile da perdere su TikTok, specialmente se sei un perfezionista di cura della pelle), i marchi hanno iniziato a ricalibrarsi.

Invece di lanciare prodotto dopo prodotto che promette di lucidare, lucidare alla perfezione e fondamentalmente darti un livello completamente nuovo di “bagliore” (pensa a Cassie di Euphoria e alla sua routine esfoliante delle 4 del mattino), molti marchi stanno facendo un 180 e ora si stanno concentrando su cose progettate per riparare la barriera cutanea – i descrittori comuni includono la guarigione, il recupero, il nutrimento, il lenitivo, e il rifornimento (spero l’idea sia chiara).

Credito:The Ordinary
L’esfoliante AHA + BHA ad alta resistenza dell’Ordinario era su tutti i social media negli ultimi anni.

Ma prima di tutto cos’è la barriera cutanea e perché ha bisogno di essere riparata?

La pelle è l’organo più grande del corpo umano ed è in realtà composta da diversi strati. Lo strato più esterno è noto come strato corneo (aka barriera cutanea). Ha molti scopi diversi, ma alcuni fondamentali sono proteggere il tuo corpo da fattori di stress esterni, come agenti infettivi (cosa che tutti abbiamo familiarizzato negli ultimi due anni), l’inquinamento e le radiazioni UV, oltre a trattenere l’acqua per mantenere il corpo e la pelle idratati.

In altre parole, una barriera cutanea sana è essenziale (e no, non stiamo parlando solo per motivi di vanità) per garantire che i vari sistemi del tuo corpo siano equilibrati.

Credito:Showbit
Alcuni cinici dicono tuttavia che le stesse marche che hanno indotto i consumatori a utilizzare esfolianti acidi ad alta resistenza in primo luogo (quelli possono facilmente causare danni alla barriera se usati troppo spesso o in modo inappropriato) stanno ora dicendo alle persone di concentrarsi sul fondotinta, che protegge e ripara la barriera cutanea.

Ma cosa ha fatto uscire le nostre barriere cutanee collettive? Le cause sono numerose e a volte possono essere fuori dal nostro controllo, tra cui troppa esposizione al sole, inquinamento, stress, tempo invernale, condizioni genetiche come l’eczema, così come il costante utilizzo della maschera causato dalla pandemia.

Detto questo, i consumatori che giocano a fare i farmacisti da casa sono tra i fattori chiave per i problemi autoinflitti. “Una delle tendenze per la cura della pelle emerse durante la pandemia è stato l’aumento dell’uso di principi attivi, tra cui l’esfoliazione con acidi”, osserva la dott.ssa Rachel Low, direttore medico di La Clinic.

I consumatori sono ora inondati di molte più informazioni sull’uso di principi attivi, barriere cutanee ed esfoliazione; specialmente con la sfilza di medici che ora utilizzano piattaforme di social media per educare gli spettatori; e più aziende di cura della pelle come Deciem (la società madre di The Ordinary) stanno rilasciando più prodotti con alte concentrazioni di principi attivi nei loro beauty products

“L’uso inappropriato e eccessivo di questi principi attivi (come retinoli, vitamina C molto pubblicizzata ed esfolianti acidi) può portare a sintomi di dermatite e barriera cutanea danneggiata come ipersensibilità e secchezza”.

Infatti, mentre i principi attivi come la vitamina C e gli acidi esfolianti sono estremamente popolari (sia sulla stampa che sui social media) e possono portare grandi benefici alla pelle, tendono a possedere livelli di pH molto bassi, che possono danneggiare la barriera cutanea se usati troppo spesso – quest’ultimo è qualcosa che tende ad essere trascurato o non menzionato nella ricerca di una pelle “imperfetta”

Mentre i marchi possono consigliare ai consumatori di utilizzare acidi così potenti e altri principi attivi ad alta resistenza fino a due volte al giorno, la frequenza di utilizzo dipende davvero dalla tolleranza di ogni singola persona.

Il modo migliore per scoprirlo è sperimentare personalmente dove sono i tuoi limiti, ma se scopri che la tua pelle inizia a diventare rossa, pungi, si sente ruvida o irritata, questi sono tutti segni che è una buona idea ridurre la frequenza (o semplicemente smettere di usare temporaneamente).

L’etichetta di cura della pelle locale Allies of Skin ha recentemente lanciato il balsamo crema di recupero barriera molecolare per l’uso sia nelle routine di cura della pelle pre che post-procedura.

“Ho notato che molti dei nostri nuovi clienti erano eccessivamente esfolianti e hanno sensibilizzato la pelle. Abbiamo anche molti clienti che stavano facendo trattamenti professionali mensili come laser e peeling chimici”, concorda Nicolas Travis, fondatore della linea di cura della pelle Allies of Skin.

Il marchio ha recentemente lanciato il balsamo crema di recupero della barriera molecolare da includere nelle routine di cura della pelle sia pre che post-procedura. Dice: “Volevo creare un prodotto fai-da-te che aiutasse a riparare e ripristinare una barriera indebolita e allenasse la pelle ad essere più resistente”.

Quindi, come possiamo passare dalle profondità dell’inferno della cura della pelle a uno stato di cose sano ed elastico?

Beh, in primo luogo, hai mai notato come i dermatologi predichino sempre mantenendo una routine di cura della pelle semplice ma solida (di solito composta da punti fermi come detergenti, creme idratanti e creme solari senza profumo)? È esattamente l’opposto di quello che di solito vediamo dai prodotti alla moda utilizzati dagli influencer della cura della pelle o dalla complicata routine in molti passaggi di K-beauty.

Successivamente, cerca ingredienti che rafforzano la barriera cutanea come ceramidi, acidi grassi, colesterolo e niacinamide e riducono la perdita di acqua dalla pelle (cose come il petrolato o il burro di karité), consiglia il dottor Ho.

Aggiunge: “Cerca di evitare o (smettere temporaneamente di usare) prodotti che potrebbero danneggiare la barriera cutanea come gli scrub fisici. Gli esfolianti chimici come AHA e BHA sono molto utili per mantenere la pelle ringiovanita e liscia; ma possono interrompere la barriera cutanea, quindi usarli con moderazione”.

In breve, lascia cadere i principi attivi per ora, semplifica la tua routine e attieniti alle graffette (detergente, idratante e crema solare), specialmente quando stai combattendo una barriera cutanea danneggiata.

Di seguito, una carrellata di lanci di prodotti classici e nuovi che sono tutti progettati per guarire le cose. PS. sono spesso idratanti e possono fare quel passo in piu’ nella tua beauty routine .

L’offerta di Allies of Skin è un balsamo riccamente intenso che ha una consistenza cremosa. La sua formula ultra-nutritiva è composta da ingredienti protettivi come ceramidi, squalani e peptidi per fornire un rapido sollievo alle pelli sensibili e proteggere intensamente la pelle esposta a fattori scatenanti ambientali come temperature gelide e aria di cabina.
Una crema burrosa rivolta ai tipi di pelle secca, questo prodotto si concentra su ingredienti classici di tutti i tempi che hanno dimostrato di mantenere la barriera cutanea in uno stato sano come squalano, glicerina, burro di karité e ceramidi. Ma classico non significa noioso; al contrario, vuoi che questi ingredienti a prova di errore facciano riscolare la tua barriera alla salute.
Bioderma, preferito dalla farmacia francese, opta per un approccio leggermente diverso; la loro nuova crema idratante della gamma Sensibio del marchio (orientata verso le persone con pelle sensibile) utilizza ingredienti come la carnosina e vitamina E per proteggere la pelle, lenire le cose con polifenoli di salvia rossa e fortificare la barriera contro gli aggressori esterni usando peptIti-10
Un’opzione più costosa per i tipi di pelle più maturi, questa crema di Skinceuticals (sai, l’azienda che ha prodotto il siero originale di vitamina C che è considerato il gold standard del settore?) Fortifica la barriera cutanea con particolare attenzione alle ceramidi. Sì, vedrai ceramidi più e più volte in questo tipo di prodotti per il salvataggio della pelle, perché è un lipide benefico già presente naturalmente nella nostra pelle (cosupiscono oltre il 50 per cento della composizione della pelle). Le ceramidi possono essere pensate come la colla che tiene insieme la pelle e forma uno strato protettivo per aiutare a prevenire la perdita di umidità e i danni visibili da fattori di stress ambientale
Il classico di tutti i tempi del marchio francese La Roche Posay, questo è un alimento base raccomandato di routine dai dermatologi e dai perfezionisti della cura della pelle online perché beh, funziona praticamente per tutti (compresi i bambini) e per la maggior parte dei tipi di irritazione, ferita o infiammazione. Il suo MO: utilizzando un’alta percentuale di pantenolo (un ingrediente a stella d’oro che idrata e lenisce) e madecassoside (un componente chiave del popolare ingrediente centella asiatica), quest’ultimo noto per essere antinfiammatorio e accelerare il processo di guarigione della pelle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...