I Vestiti Fanno L’uomo?

Negli ultimi anni, la moda maschile è arrivata a un punto di svolta. Celebrità come Lil Nas X e Billy Porter hanno soggiogato le regole tradizionali dell’abbigliamento maschile con il loro amore impenitente per i colori, l’accampamento, la doratura e gli abiti.

Nel frattempo, figure culturali internazionali come lo scrittore, artista e oratore pubblico non binario Alok Vaid-Menon – che usa i pronomi che essi/loro – hanno contribuito ad alimentare la conversazione con il loro lavoro di attivista (controlla il movimento #DeGenderFashion che hanno iniziato).

La mostra in corso, Fashioning Masculinities: The Art Of Menswear, al Victoria And Albert Museum di Londra, mira a ripercorrere la storia dell’abbigliamento e dell’aspetto maschile in modo tematico per mostrare come la mascolinità sia stata – ed è – una categoria plurale e fluida. Ecco un look della collezione Primavera/Estate 2022 del designer britannico emergente Edward Crutchley.

Sulle passerelle, alcune delle collezioni più tonificanti provengono da designer che contorce, offuscano e fluidificano le strutture binarie tradizionali. Molti sono nomi emergenti – pensano Harris Reed, Palomo Spain e Altu (l’etichetta “genderful” di Joseph Altuzarra resa virale da Troye Sivan, quando quest’ultimo indossava l’abito nero slinky del marchio con ritagli laterali prominenti al Met Gala lo scorso settembre).

Il contesto è sempre importante, motivo per cui la mostra include voci contemporanee nella moda e nell’arte per mostrare le molte letture della mascolinità. Tra questi c’è lo stilista emergente Harris Reed – una delle voci più importanti nel settore della moda che oggi sostiene la fluidità di genere – nella foto qui vestito con uno dei suoi look.

Poi ci sono i giocatori di fascia alta del settore, che si tratti del poeticamente sovversivo JW Anderson o di Alessandro Michele di Gucci – un sostenitore di alto profilo dell’espansione del vocabolario di ciò che costituisce l’abbigliamento femminile e maschile da quando ha preso le redini della casa nel 2015.

È a proposito di ciò che il marchio di lusso italiano è lo sponsor principale della mostra del Victoria and Albert (V&A) Museum, Fashioning Masculinities: The Art Of Menswear, a Londra. Inaugurato a marzo e in corso fino al 6 novembre, è la prima presentazione su larga scala dell’istituzione dedicata all’abbigliamento maschile nei suoi 170 anni di storia e mette in mostra quasi 100 look e altri 100 opere che dovrebbero far pensare a come i vestiti hanno (o non hanno) fatto l’uomo.

La mostra vanta circa 200 esposizioni che abbracciano immagini della moda moderna e abiti ambigui di genere di designer di culto all’avanguardia come Priya Ahluwalia, Grace Wales Bonner (sopra) e Craig Green.

Questi includono abiti indossati da celebrità che piegano il genere come Marlene Dietrich, David Bowie e il già citato Porter. C’è una sezione che esplora il corpo e la biancheria intima maschile, facendo luce su come i classici ideali europei di mascolinità hanno plasmato entrambi.

Le opere d’arte contemporanea che troveresti alla mostra includono un disegno della famosa serie di stampe Men In The Cities di Robert Longo del 1981 (sopra).

Naturalmente ci sono look da passerella di marchi che hanno sfidato tali ideali convenzionali (tra cui: Jean Paul Gaultier, Alexander McQueen e giovani nomi di etnia non europea come Grace Wales Bonner e Priya Ahluwalia). E c’è un’intera galleria chiamata “Overdressed” che rivela come, per secoli, la sgargia sia stata il look du jour dei maschi d’élite.

Tra le opere classiche esposte alla mostra c’è Tiresias, una performance di Cassils in cui l’artista fonde un busto neoclassico scolpito nel ghiaccio con il calore corporeo

In breve, la mascolinità è uno spettro ricco, anche se la moda mainstream ha fatto credere a molti il contrario. Come afferma una dichiarazione di Alessandro Michele – tratta dalle note della sfilata della collezione Autunno/Inverno 2020 di Gucci ed esposta alla porta della mostra V&A – “È tempo di celebrare un uomo libero di praticare l’autodeterminazione senza vincoli sociali, senza sanzioni autoritarie, senza soffocanti stereotipi”.

Ecco alcuni suggerimenti dell’assistente di ricerca chiave della mostra, Marta Franceschini, su come la moda ha costruito (e decostruito) l’idea di mascolinità.

NEL SUO CUORE, LA MODA È POLITICA

“La moda è un incredibile barometro per monitorare il cambiamento sociale, e ciò che ci ha spinto a lavorare alla mostra è proprio un’osservazione approfondita del sistema della moda contemporanea. (Sede qui c’è un ritratto di Charles Coote, il primo conte di Bellomont, risalente al XIX secolo che cattura come gli uomini si vestivano in modo fiammeggiante in passato per mostrare la loro ricchezza e il loro status.)

La moda maschile è al centro dell’attenzione più che mai oggi: sia i designer affermati che i giovani scelgono di proporre le loro idee – quelle relative alla società e al significato politico del loro lavoro – sulle passerelle, usando la moda maschile per mettere in discussione gli stereotipi tradizionali legati all’identità di genere e all’espressione di sé. Questo sta sicuramente influenzando l’arena pubblica. Guarda come i media ora traboccano di rappresentazioni che si oppongono a una definizione univoca e monolitica di mascolinità. »

IL CHE SIGNIFICA CHE LA MODA È UN VEICOLO DI CAMBIAMENTO

“La moda ha uno stretto rapporto con il potere e può essere usata per controllare e, a volte, ritardare il cambiamento. Fortunatamente, però, la moda è anche uno strumento di resistenza – qualcosa che le persone possono usare attivamente per andare controcorrente e sfidare ipotesi e stereotipi.

Billy Porter (nella foto), per esempio, è un ottimo esempio di come le proprie scelte di moda possano esprimere l’identità personale, essere una richiesta di libertà e spingere il cambiamento. Abbiamo incluso due abiti indossati da Billy nella mostra (l’abito smoking cristiano siriano nero che indossava agli Oscar 2019 e l’abito rosa Randi Rahm che ha indossato per i Golden Globes quello stesso anno) che dimostrano che i portatori dell’agenzia hanno nell’indossare abiti come dichiarazioni politiche, trasformando gli oggetti di moda in simboli.

LO SGUARDO DELLA MASCOLINITÀ È SEMPRE STATO FLUIDO

“La ricerca che ha portato alla mostra è stato un affascinante viaggio nel tempo attraverso l’arte e la moda. È stato incredibile vedere come i temi sarebbero tornati periodicamente e le tendenze sarebbero state rinnovate, a seconda della sensibilità del momento. Questo è ciò che ci ha motivato a lavorare su una struttura tematica per la mostra invece di sviluppare una cronologia della moda maschile – questo ci permette di sfatare stereotipi come il “genere” di motivi e colori.

Abbiamo quindi deciso di dedicare alcune sezioni ai fiori e una sostanziale al rosa: un colore che è stato associato alla femminilità nel XX secolo, ma era molto un simbolo del potere maschile nel XVIII secolo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...